Archivi categoria: Focsiv

La Paz querida – “Mia cara La Paz”

Share

Quando è l’ora del ritorno, della partenza, sono tante le cose che si portano via con sé e tante le cose che si lasciano lì, a volte a malincuore, altre volte perché si è consapevoli che è proprio lì il che deve rimanere. Posso dire, in questo tempo, di aver visto posti completamente diversi tra loro, di aver conosciuto persone con un pensiero differente dal mio, ma anche differente tra loro. La Bolivia è una scoperta continua, è un insegnamento dopo l’altro e un continuo accorgersi di essere a bocca aperta. Ti accorgi così, da un giorno all’altro, di aver assunto delle abitudini che prima non erano tue, di parlare di argomenti che neanche potevi immaginare di sapere, di fare parte di una realtà diversa e di viverla come la tua normalità.

Ho deciso di utilizzare queste righe come riassunto di un’esperienza, come chiusura di un capitolo e premessa per l’inizio del successivo: chiusura di un capitolo dedicato ai ragazzi del Centro di Orientamento per adolescenti con responsabilità penale, alla sua équipe, a CVCS e ProgettoMondoMLAL che mi hanno dato l’opportunità di entrare in un mondo ancora inesplorato, e dedicato a me, alle sfide superate e alle occasioni sfruttate e fruttate al meglio.

Il Centro di Orientamento è stato fin dall’inizio una nuova sfida per l’area della giustizia minorile e soprattutto per la concreta realizzazione dei meccanismi di giustizia riparativa, oltre che la dimostrazione di una collaborazione positiva tra i Servizi Sociali del Governo di La Paz (SEDEGES) e il mondo delle ONG impegnate in quest’area.

C’è però da dire che è stato molto di più! Per me, ha costituito un mondo in cui poter muoversi: a volte contando i propri passi, mantenendo quella giusta distanza, altre volte correndo esplorandone tutto il perimetro fino a non sentir più le gambe, altre volte muovendosi in punta dei piedi, con delicatezza. Mi ha permesso di vedere le diverse facce della città, rappresentate dai volti e dalle voci dei ragazzi del centro, dai murales presenti sulle facciate dei palazzi o sui resti di una casa abbandonata e non più ricostruita, dagli odori, i sapori, i colori che cambiano da una cuadra (una via) all’altra e che ti permettono di riconoscere dove sei, in quell’istante preciso.

Il Servizio Civile rappresenta uno scambio continuo tra dare-ricevere, tra scontro-incontro, tra scoperta e dubbio. E’ un’esperienza che ti scuote e ti attiva, ti coinvolge e ti stravolge. Ti mette davanti a te stesso, e pone te stesso davanti una realtà differente da quella a cui sei abituato, fino a che non inizi a sentirti parte di essa, e non solo, la prendi così a cuore che ti batti per le ingiustizie con cui ogni giorno ti devi scontrare.

Stare immerso in un’area come quella penale, permette di riformulare il significato della parola errore, considerandola non primariamente come un qualcosa di cui la persona ha la colpa di aver commesso, ma come opportunità, come inizio di una presa di coscienza, come generatore di cambiamento e come atto di responsabilità da parte della persona stessa che, dopo un momento di caduta, cerca e riconosce le cause che vi sono dietro a tutto questo. Avere la opportunità di appoggiare la persona in questo processo, credendo nella potenza della volontà e nel potere personale che ognuno di noi ha dentro di sé, è stato, per quanto mi riguarda, un elemento di grande crescita personale e soprattutto umana.

Questa Bolivia, questa La Paz, mi ha insegnato che le differenze possono unire e non dividere, che da 3600 metri si può guardare all’orizzonte e individuare ogni giorno nuove prospettive, che si può costruire qualsiasi cosa in qualsiasi luogo e che ognuno di noi ha un suo posto nel mondo, in ogni posto del mondo.

Grazie a tutti coloro e a tutto ciò che hanno arricchito quest’esperienza.

 

(Sara Soldavini)

Share

Migrazioni, l’Europa deve fare di più

Share

FOCSIV è tra i firmatari dell’appello che è stato inviato a Gentiloni, Minniti e Alfano e alle commissioni esteri e difesa del Parlamento.

Ci teniamo a condividerlo con tutti voi!

 

COMUNICATO STAMPA

Consiglio Ue, 22-23 giugno

MIGRAZIONI, L’EUROPA DEVE FARE DI PIÙ

Urgente una nuova Agenda europea e italiana sulla politica migratoria

Dei 65,6 milioni di rifugiati e sfollati del mondo, l’Europa ne accoglie solo 3,5 milioni, lo 0,68% della popolazione europea

Appello congiunto di 9 reti di organizzazioni della società civile

Roma, 20/6/2017_Una lettera aperta inviata ieri al Governo, al Parlamento e agli Europarlamentari italiani per chiedere un cambio di rotta nella gestione europea e italiana della crisi migratoria.

Alla vigilia del Consiglio Ue del 22 e 23 giugno, le reti delle organizzazioni della società civile italiana – al lavoro ogni giorno al fianco delle decine di migliaia di migranti arrivati nel nostro paese e per lo sviluppo umano nei paesi di origine e transito – lanciano un appello congiunto alle istituzioni italiane ed europee indicando in una road map (link a paper), le misure indispensabili e urgenti per un cambio di rotta nella gestione dei flussi migratori in Italia e una nuova e più efficace Agenda Europea.

“Sono passati due anni dall’adozione dell’Agenda Europea sulla Migrazione (European Agenda on Migration) – scrivono le organizzazioni firmatarie –  vale a dire l’insieme di misure per la gestione delle migrazioni sia all’interno che all’esterno delle frontiere dell’UE. Ebbene in questo tempo abbiamo assistito all’attuazione delle principali misure di cooperazione con i paesi di origine e transito mediante il Migration Partnership Framework, all’apertura degli “hot spot” in Grecia e in Italia e all’adozione del meccanismo di ricollocamento (relocation). Ma non possiamo affermare che la condizione delle persone migranti che arrivano in Europa sia migliorata né quella dei paesi europei che sono in prima linea come Italia e Grecia”.

Diversi i punti a destare perplessità nelle politiche adottate per affrontare una crisi in cui si conta il più alto numero di sfollati e rifugiati dalla Seconda Guerra Mondiale, con 65,6 milioni di persone costrette a lasciare la propria casa a causa di conflitti, disastri naturali persecuzioni o violazioni dei diritti umani. Basti guardare all’impegno europeo nell’accoglienza. che appare del tutto insufficiente: a fine 2016, secondo i dati dell’UNHCR in Europa erano presenti 3,5 milioni tra richiedenti asilo e rifugiati, ossia lo 0,68% della popolazione europea. Uno sforzo in termini di ospitalità di rifugiati in cui i paesi dell’UE hanno accolto solo circa 5% dei rifugiati del mondo.

L’approccio securitario dell’Agenda Europea e italiana

“L’Agenda si è rivelata sostenuta da logiche securitarie, tendenti ad escludere dal territorio europeo i migranti, delegandone la gestione a paesi terzi già sovraccaricati di responsabilità”, continuano le organizzazioni firmatarie nella lettera inviata ieri. Su tutti a destare maggior preoccupazione sono le conseguenze dell’accordo tra Ue e Turchia ad oltre un anno dalla sua adozione. Un provvedimento che senza fermare davvero i flussi verso la Grecia, ha avuto come effetto diretto di intrappolare nel paese ellenico decine di migliaia di persone costrette a sopravvivere in condizioni disumane, costringendone molte altre ad intraprendere rotte sempre più pericolose – ad esempio attraverso la Bulgaria – ed esponendole quindi a trattamenti inumani e degradanti. Sorte uguale toccherebbe ai migranti nei paesi di transito e origine africani, se l’accordo tra Italia e Libia – avvallato dall’Unione europea –  trovasse piena applicazione.

“La chiusura della rotta centrale del Mediterraneo non servirà a bloccare i flussi, ma solo a fargli prendere altre strade, più pericolose e infestate di trafficanti di esseri umani. facendo crescere in maniera rilevante il numero dei morti in mare – aggiungono i firmatari dell’appello – E’ indispensabile regolarizzare i flussi offrendo misure di reinsediamento, canali umanitari, ricongiungimenti familiari, e disponibilità all’entrata nel mercato del lavoro, con una responsabilità realmente condivisa”.

Un quadro a cui si aggiunge l’applicazione in modo illegittimo del sistema hot spot in Italia –  in quanto non supportato da alcuna norma – per di più a fronte del non rispetto degli impegni sulla relocation dei migranti a livello europeo: su 160.000 richiedenti asilo da ricollocare da Grecia e Italia verso altri stati membri, ne sono stati ricollocati solo 21.313 al 15 giugno 2017.

Il rischio rappresentato dai nuovi CIE in Italia: fondamentale andare oltre l’emergenza

Veniamo infine alle conseguenze delle misure introdotte dai cosiddetti decreti Minniti-Orlando, che presenta gravi rischi di retrocedere rispetto alla tutela dei diritti dei migranti.

Tra i punti che destano maggiore contrarietà da parte delle organizzazioni firmatarie dell’appello, il ruolo dei Centri permanenti per il rimpatrio (CPR), nuova denominazione per gli attuali CIE, che saranno creati in ogni regione senza, ad oggi, avere certezze sulle modalità con cui sarà garantito il pieno rispetto dei diritti delle persone trattenute. Già perché assieme viene prevista l’abolizione del secondo grado di giudizio per il riconoscimento del diritto di asilo e la limitazione del contraddittorio nell’unico grado rimasto; oltre alla previsione di un’unica procedura per le espulsioni, che sarà valida tanto per chi ha commesso reati e viene da periodi di detenzione, che per il lavoratore straniero privo del permesso di soggiorno, magari perché costretto a lavorare in nero o a lavori stagionali di breve durata.

 

Basta guardare i dati. In Italia nel 2016 abbiamo avuto circa 180 mila arrivi via mare e circa 174.000 persone sono state inserite nel sistema di accoglienza, pari allo 0,2% della popolazione italiana.  Allo stesso tempo i minori stranieri non accompagnati censiti ad aprile di quest’anno erano 15.939 mentre quelli semplicemente scomparsi dal sistema di accoglienza nel 2016 sono stati 27.995 (un +27,94% rispetto al 2015).

Le richieste per un cambio di rotta

Per correggere l’attuale approccio definito dall’Agenda Europea per le Migrazioni e i provvedimenti assunti dal Governo italiano, le organizzazioni firmatarie chiedono quindi che:

1.     I cosiddetti compacts, definiti con i paesi terzi, siano finalizzati a favorire politiche di sviluppo umano sostenibile nei paesi di origine e di transito dei flussi migratori e non al mero controllo delle frontiere

2.     L’UE e gli Stati membri effettuino operazioni di ricerca e salvataggio (SAR) per il solo scopo di salvare vite umane

3.     L’UE e i suoi Stati membri garantiscano alle persone che si trovano ai loro confini l’accesso ad un equo ed effettivo diritto di richiedere asilo

4.     I richiedenti protezione internazionale in Europa abbiano il diritto a una procedura giusta ed efficace

5.     Chiunque richieda la protezione internazionale in Europa, inclusi tutti quelli in attesa di pronunciamento o già respinti e in attesa di rimpatrio, abbia diritto a ad un’accoglienza dignitosa ad accedere a servizi adeguati

6.     Gli stati membri rivolgano particolare attenzione alle esigenze specifiche delle donne, dei bambini e delle persone vulnerabili, indipendentemente dalla nazionalità o dalla concessione del diritto asilo

7.     I migranti non vengano considerati come detenuti in centri di accoglienza al solo fine di essere identificati

8.     Gli Stati Membri contribuiscano per la loro parte alla risposta globale sul forced displacement

9.     Gli Stati membri sviluppino canali sicuri e regolari per rifugiati e migranti

10.  Il reinsediamento, i visti umanitari e altri programmi di condivisione delle responsabilità, tra gli Stati membri dell’UE, vengano gestiti in modo trasparente. Dando la priorità alle persone più vulnerabili e non discriminando sulla base della nazionalità, della religione, del genere o dell’etnia.

11.  L’UE e gli stati membri facciano ritornare le persone nei loro paesi di origine solo attraverso procedure fondate sul rispetto dei diritti umani, e mai a condizioni che li possano mettere in pericolo

12.  Gli schemi e le procedure di ricongiungimento familiare per rifugiati e richiedenti asilo siano facili da praticare e garantiscano che le famiglie siano in grado di riunirsi nel minor tempo possibile

 

FIRMATARI

Tavolo Asilo*, AOI, Concord Italia, FOCSIV, CINI, Link 2007, Coonger, COP, Marche solidali

*Per il Tavolo Asilo: A BUON DIRITTO, ACLI, ARCI, ASGI, CENTRO ASTALLI, CNCA, FCEI, FOCUS-CASA DEI DIRITTI SOCIALI, MEDU, OXFAM

 

 

 

 

Agenda migrazione BP_21_6_2017

Share

Servizio Civile con il CVCS (Italia e Estero)

Share

26/05/2017: è uscito il bando ordinario per il Servizio Civile! Qui il link.
Avete tempo fino al 26 giugno 2017.

Hai tra i 18 e i 29 anni? Vuoi fare nuove esperienze e conoscere nuove realtà e nuove persone? Il Servizio Civile è quello che fa per te!

Cos’è il Servizio Civile?

Il Servizio Civile ti permette di fare un’esperienza formativa di crescita civica e di partecipazione sociale, operando all’interno di progetti di solidarietà, cooperazione e assistenza. Puoi entrare in contatto con diverse realtà, tra cui quelle di volontariato, avendo così l’opportunità di acquisire competenze trasversali, spendibili poi nel mercato del lavoro (lavoro in team, problem solving).

Qual è il compenso mensile?

Il guadagno mensile netto è di 433,80€. In caso di Servizio Civile Estero, oltre al compenso fisso mensile, è prevista un’indennità di 15,00€ per ogni giorno di servizio svolto all’estero.

Bandi 2017

Sono state pubblicate sul sito della FOCSIV le schede progetto Italia ed Estero per l’anno 2017. Qui potete trovare i progetti Italia, qui i progetti estero.

A questo link trovate i progetti di Servizio Civile Italia e Estero del CVCS.

Attenzione

Per motivi non prevedibili durante la fase di progettazione si è verificato un cambiamento rispetto alle condizioni descritte nel testo di progetto: il settore e le attività “sicurezza alimentare” sono attualmente sospesi.

CVCS cerca pertanto due volontari da inserire nel settore Tutela infanzia e adolescenza.

 

 

Sito del Servizio Civile Nazionale: http://www.serviziocivile.gov.it/menusx/servizio-civile-nazionale/cosa-e-il-scn/

Share

Servizio Civile Nazionale 2016

Share

Vale_Ale

Da ottobre il CVCS ha il piacere di ospitare due ragazze del Servizio Civile Nazionale: Valentina ed Alessandra. Valentina ormai è una veterana della nostra organizzazione e da anni collabora con noi ed è anche una delle volontarie che gestisce la Bottega Equomondo. Studentessa della Laurea Magistrale in Studi Storici dal Medioevo all’Età Contemporanea, Valentina si è avvicinata all’esperienza del Servizio Civile per avere la possibilità di collaborare in modo più continuativo, dopo ben dodici anni di volontariato.
Alessandra, laureatasi quest’anno alla Laurea Magistrale in Comunicazione, ha collaborato con noi in alcune occasioni, soprattutto in uno dei progetti di sensibilizzazione al volontariato organizzato assieme al Centro di Aggregazione “Punto Giovani” di Gorizia.
Sono sicuramente due risorse molto preziose per le nostre attività e i nostri progetti e speriamo che questa collaborazione continui a dare i suoi frutti.

Share

Mercatini di Natale 2016

Share

 

15356767_1156556157763859_3710730364190683926_n

Quest’anno la Bottega Equomondo di CVCS ha partecipato al tradizionale mercatino natalizio organizzato in occasione della Fiera di Sant’Andrea. Le nostre volontarie del Servizio Civile si sono occupate di organizzare il banchetto allestito in centro nelle giornate di sabato 3 e lunedì 5 dicembre. Sono stati offerti tè caldo e cioccolata calda equo-solidali, serviti in bicchieri, che noi abbiamo definito “stile Starbucks”, totalmente compostabili. Oltre alle bevande calde, sono stati proposti biscotti al miele e cacao, braccialetti fatti a mano da alcune donne del Burkina Faso e alcuni pacchi di riso della campagna FOCSIV “Abbiamo riso per una cosa seria” (per maggiori informazioni: (http://www.abbiamorisoperunacosaseria.it/) per garantire ovunque l’accesso al cibo.

Tutte le offerte sono state destinate ai progetti di CVCS in Burkina Faso e Bolivia.
Per noi è stata un’importante occasione per far conoscere un po’ di più alla cittadinanza la Bottega e la realtà del commercio equo e solidale, alternativa maggiormente rispettosa dei diritti dell’uomo e dell’ambiente rispetto a quello tradizionale, ma ancora poco diffuso.

Share